Quantcast
Google+

lunedì 24 marzo 2014

Arthur Schopenhauer: "Sul mestiere dello scrittore e sull'arte di scrivere"



Schopehauer è famoso per aver dato vita ad una serie di trattati complementari alla sua opera filosofica. 
Come molti altri scrittori e pensatori (vedi Hemingway) si è dilettato nel fornire utili consigli agli aspiranti letterati di qualunque genere. Una lettura obbligatoria per chi desideri scrivere (Edito da Adelphi (1993), "Sul mestiere dello scrittore e sullo stile ")

Innanzitutto, l'attenzione principale è rivolta a essere sè stessi:
"Lo stile è la fisionomia dello spirito. E' una chiave d'accesso più sicura al carattere rispetto alla fisionomia del corpo. Imitare lo stile di un'altra persona è come indossare una maschera, diventa presto insipido e intollerabile perchè è senza vita; tale che anche la faccia più brutta faccia vivente è preferibile."

E ancora sullo stesso piano, Schopenhauer evidenzia l'importanza della sincerità d'intenti:
"Vi sono due tipi di scrittori: coloro che scrivono per amore della cosa, e coloro che scrivono per scrivere. I primi hanno avuto idee oppure esperienze che sembrano loro degne di essere comunicate; i secondi hanno bisogno di denaro e perciò scrivono per denaro. Essi pensano al fine di scrivere. 
La prima regola, e forse l'unica, del buono stile è che si abbia qualcosa da dire: con questa regola si va lontano! 
Un autore dovrà guardarsi maggiormente dallo sforzo di dimostrare maggiore intelletto di quello che possiede; perchè ciò fa nascere nel lettore il sospetto che lui ne abbia ben poco, da momento che un uomo è afflitto, stante la sua natura, da qualcosa che non possiede veramente. E da ciò viene il plauso per un autore definito naif, perchè egli è in grado di mostrarsi per quello che è realmente."

Ed infine sulla semplicità d'espressione e di pensiero:
"Un uomo che sia in grado di pensare sarà in grado di esprimersi in tutte le occasioni con parole chiare, comprensibili e non ambigue.
La verità che è nuda è la più bella, e più è semplice il modo di esprimerla maggiore sarà l'impressione che susciterà nel lettore.


via


Nessun commento:

Posta un commento